Linee guida e strumenti operativi per la questione di genere

l’Inail ha pubblicato un quaderno tematico della "Rivista degli Infortuni e delle Malattie Professionali" che affronta il tema delle differenze correlate all'appartenenza al genere maschile o femminile, rispetto alla sicurezza sul lavoro, in ottica sia di prevenzione che di incidenza infortunistica.

Si tratta in particolare di una prima realizzazione di un progetto coordinato dal Comitato Pari opportunità dell'INAIL, unitamente alla Direzione regionale Toscana dell'INAIL e alla Regione Toscana. Obiettivo finale del progetto è di pervenire alla definizione di apposite linee guida per l'applicazione, con un approccio di genere, delle norme di sicurezza, previste nel decreto 81/2008 e successive integrazioni.
Sono stati dunque pubblicati due volumi dal titolo “Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere. Disegno di linee guida e primi strumenti operativi”, curati da Paola Conti e Antonella Ninci:

I due volumi partono da una costatazione: “esistono differenze tra uomini e donne che influiscono sulla loro salute e sicurezza al lavoro” e l'adozione di un approccio neutro “contribuisce al perdurare di lacune sul piano delle conoscenze e ad avere un livello di prevenzione meno efficace”.

Il progetto “Salute e sicurezza sul lavoro, una questione anche di genere” - di cui questo quaderno e i due volumi costituiscono solo il primo passo - intende fornire indicazioni e strumenti “muovendo dallo studio delle differenze correlate ed indotte dall’appartenenza al genere femminile o a quello maschile”.