Genitorialità, lavoro e pari opportunità: presentata la guida INAIL INPS

E' stata presentata il 4 aprile scorso la piccola guida “Maternità e paternità: diritti dei genitori, obblighi e opportunità per il datore di lavoro”. La pubblicazione, nata su proposta della Consigliera di Pari opportunità della Provincia di Venezia in accordo con la Direzione territoriale del lavoro e l’assessorato alle Politiche e servizi per l’occupazione,  è frutto della collaborazione degli enti succitati con INPS, INAIL e Aziende sanitarie del territorio provinciale.

Scopo della pubblicazione è rivolgersi con linguaggio chiaro e immediato sia ai futuri genitori, donne e uomini, che ai datori di lavoro per infornarli sulle opportunità offerte dalla legge per garantire a tutti i lavoratori il diritto alla genitorialità senza che questo possa andare a discapito dell’azienda. Tutelare il diritto della persona a diventare genitore si traduce in una opportunità per tutta l’azienda.

La guida vuole quindi essere una piccola bussola per orientare datori di lavoro e lavoratori nella direzione del rispetto di diritti e doveri di entrambi nel trovare la strada più agevole a garantire la possibilità di esercitare serenamente la genitorialità ma avvalendosi dei meccanismi di legge volti sia a tutelare il lavoratore che il datore di lavoro.
"Spesso - spiega Federica Vedova - i datori di lavoro non conoscono la normativa, oppure la vedono solo come un obbligo, non come una opportunità di crescita per i propri dipendenti e per la stessa azienda."
"Sui temi della maternità e della paternità c'è una crescita di consapevolezza"- interviene Paolino D'Anna, assessore provinciale al lavoro. Occorre che tutti, le istituzioni e la società nel suo complesso, condividano la responsabilità collettiva di accogliere la nascita come ricchezza e possibilità per il futuro.
Presto l'opuscolo verrà distribuito in alcuni luoghi strategici, come le sedi e gli uffici di Sindacati e Associazioni di categoria. Non solo: poiché nel territorio provinciale ci sono molti lavoratori e lavoratrici stranieri, la piccola guida verrà tradotta in alcune lingue straniere.

[Fonte: INAIL]